Ultime ore prima della battaglia. Luca Simonato: «Il tempo delle parole è finito. Ora contano solo i fatti»

20 maggio 2017
Mister Luca Simonato

Mister Luca Simonato

Ormai ci siamo. Ultime ore di attesa per il Monselice di Luca Simonato, che domenica sarà di scena al Comunale di Solesino per la finalissima-playoff contro la Solesinese di Paolo Borotto (calcio d’inizio alle 16.30).
Un «derby» caldo come non mai e dalla posta in palio altissima, visto che garantirà alla squadra vincitrice la quasi matematica certezza dell’approdo in Promozione.
La peggior differenza-reti negli scontri diretti obbliga il Monselice ad un’impresa titanica: battere in trasferta una corazzata imbattuta da metà dicembre, che dall’arrivo in panchina dell’ex allenatore della Nova Gens ha infilato dodici vittorie e quattro pareggi, senza mai conoscere l’onta della sconfitta.
In caso di parità al 90′, si andrà ai tempi supplementari: se il risultato non si schioderà, ad avere la meglio sarà la Solesinese grazie alla miglior posizione di classifica al termine della regular season.
O tutto o niente, insomma: a spingere il Monselice ci sarà un autentico esodo di tifosi, che si riverseranno a Solesino in massa per caricare i ragazzi in quest’ultimo memorabile impegno stagionale.
«Il tempo delle parole è finito, ora contano solamente i fatti – sottolinea mister Simonato – Siamo pronti ad affrontare questa grande finale, consapevoli che ci troveremo di fronte una corazzata. Da parte nostra massimo rispetto ma nessuna paura: i 64 punti ce li siamo tutti sudati sul campo, la classifica è meritatissima e la conquista di questa finale-playoff è motivo di orgoglio e soddisfazione».
Come arriva il Monselice all’appuntamento più importante della stagione?
«Ci siamo preparati bene: quello che dovevamo fare, lo abbiamo fatto. Sui 28 giocatori della rosa, ne ho a disposizione 25: un numero importante, che ora mi mette nelle condizioni di dover fare delle scelte. Siamo comunque pronti a dare l’anima, vogliamo uscire dal campo a testa alta e senza alcun rimpianto. A Solesino avremo alle spalle un’intera città a spingere: dovremo scendere in campo senza paura e essere pronti a dare tutto su ogni pallone».


Momenti Storici

  • Immagine
  • Immagine
  • Immagine
  • Immagine
  • Immagine
  • Immagine

Parlano di noi

  • Parlano di noi
  • Parlano di noi
  • Parlano di noi
  • Parlano di noi