Storia

Un lungo viaggio fatto di salite e discese, di momenti esaltanti, di annate deludenti ma con un solo e grande denominatore comune: l’amore smisurato della gente per quella maglia, per quei colori biancorossi che ancora oggi ci fanno sognare e battere il cuore.

La storia del Monselice nasce nel 1926, con la partecipazione dell’allora Monselicense al campionato di quarta divisione. Parte da una lunghissima avventura, che passa dagli anni del fascismo nel campionato «Propaganda» per poi ripartire nel secondo dopoguerra dal torneo di 1° Divisione.

Il primo successo di rilievo è datato luglio 1952 grazie a due vittorie negli spareggi con Bottrighe e Contarina che valgono l’accesso in Promozione. Dopo alcuni sali e scendinel 1975/76 in Monselice vola in serie D. Sono gli anni d’oro del calcio biancorosso. Il presidente è il grande Vittorio «Ciribei» Brunello con allenatore Mauro Gatti. Il Comunale sempre stracolmo trascina la squadra all’incredibile promozione in serie C/2 ,restandoci fino al 1983 e facendo da trampolino di lancio ad un certo Edy Reja come mister.

Negli anni successivi un declinoche porterà il Monselice fino alla 1° categoria.
La risalita comincia nel 1993, con l’approdo in Promozione nello spareggio di Rovigo contro il Canaro, prosegue nel 1996 con la conquistadell’Eccellenza e si completa nel 1998 con lo straordinario spareggio di Sacile che valse la serie D. Da qui un ennesimo tracollo. Un disastroso declino fino alla 2° categoria seguito da un ennesima resurrezione in eccellenza. Categoria mantenuta per 3 anni, fino alla stagione2011/12, che per la storia del Calcio Monselice risulterà essere l’ultima dopo 86 anni di passione.

La mancata iscrizione nella stagione successiva decreta il fallimento della società biancorossa.
Due anni di blackout han fatti si che giornali e paesi limitrofi si dimenticassero del Monselice calcio…ma non per noi.
L’ aver visto fallire la nostra squadra ci ha creato dentro una sana rabbia e spirito di rivalsa che non sarà facile da placare.

STAGIONE 2014/2015
Il calcio Monselice 1926 rinasce dopo due anni dal fallimento. E lo fa con uno spirito tutto nuovo.
La nuova Società, gestita da veri Monselicensi, sono prima di tutto dei tifosi che operano per il bene della società.

La squadra è stata costruita con giocatori del posto, molti dei quali sono scesi da categorie superiori, disposti a giocare in terza categoria senza rimborsi spese ma con un unico obiettivo: riportare il Monselice dove merita.

La formula si rivela presto azzeccata.

Il Monselice disputa un campionato di vertice culminato all’ultima giornata, con lo storico pareggio per 3 a 3 A Conselve, rivale numero uno per la vittoria del campionato.
Un gol al 97″ di PETRACIN decide la partita e manda in subbuglio gli 800 spettatori di fede biancorossa giunti a Conselve.

Questo pareggio garantisce la prima posizione finale in classifica e la conseguente promozione in seconda categoria.
Da segnalare inoltre il raggiungimento della finale di coppa Veneto persa per 2 a 1 sempre contro il Conselve.

ARMIAMOCI DI VOCE, SCIARPE E BANDIERE E RITORNIAMO A DIFENDERE I COLORI DELLA NOSTRA CITTA’.