Società

Presidente

Giuseppe Ruzzante, storica figura Monselicense e già presidente negli anni d’oro per 3 mandate della società Monselicense.


Presidente onorario

Mario Boetto, ennesima figura storica Monselicense, prima come giocatore e poi come ideatore e presidente dell’ attuale associazione vecchie glorie Monselicensi. Tra le altre maglie, Mario ha indossato per 5 anni la casacca del Padova di Nereo Rocco in serie A.


Vice Presidente

Marco Sattin


Dirigenti Accompagnatori

Stefano Sguotti
Filippo Brombin
Massimo Toffano


Direttore sportivo

Stefano Loverro


Segretario

Riccardo Moro


L’idea è nata da tre ex giocatori Monselicensi di 30, 34 e 38 anni, nati e tutt’ora abitanti a Monselice.
È un progetto che già nell’estate 2013 stava prendendo piede, ma il tempo burocratico a disposizione era troppo ristretto.
Nel 2014 il Monselice Calcio 1926 è ufficialmente rinato e, composto da una dirigenza e da uno staff di monselicensi, vuole proseguire la tradizione calcistica che la città di Monselice merita.

 

Dal mattino di padova del 12/05/2014

Il Monselice rinasce e ripartirà dalla Terza

MONSELICE. Manca ancora l’ufficialità ma ormai è praticamente certo. Il Monselice Calcio rinasce. A due anni di distanza dalla mancata iscrizione in Eccellenza, il Comunale di via San Filippo tornerà ad infiammarsi per le imprese del vecchio cuore biancorosso. Che dopo due interminabili stagioni di assenza riprenderà finalmente a battere. Lo farà dal gradino più basso, la Terza Categoria, con una società tutta nuova decisa a riportare i colori biancorossi nel calcio che conta.
Merito dello sforzo di molti appassionati e del progetto di un ex capitano del Monselice degli anni d’oro, Stefano Loverro, che dopo essere arrivato a un passo dalla rinascita già un’estate fa è finalmente riuscito a mettere ogni tassello al posto giusto. «Ripartiremo dalla Terza categoria con la massima umiltà» sottolinea il diretto interessato, 33 anni, che nell’ultima stagione ha giocato in Prima con Maserà e Atletico Vicenza Est «Il progetto punta a riunire tutti coloro che hanno il Monselice nel cuore. Trovare risorse è dura in questo periodo, ma confidiamo in piccoli aiuti da parte di chiunque voglia darci una mano. L’obiettivo è restituire a Monselice la squadra della città, un gruppo formato da ragazzi del paese in cui la gente possa rispecchiarsi».